Time’s the great destroyer. Cento dischi per gli anni zero

Se qualcuno dovesse mai chiedermi dove sia iniziata la mia vera mania per la catalogazione e l’archiviazione degli ascolti musicali, dovrei dire che la prima introduzione al mondo dell’ossessione sono stati quei giganteschi dizionari del pop-rock usciti in un periodo appena precedente a quello in cui avrebbero perso completamente senso. Migliaia, decine di migliaia di artisti e album mai sentiti – e che non avrei poi ascoltato a meno di miracoli, essendo ancora nel pieno dell’era pre-mp3, per me. Roba su cui potevi giusto fantasticare, a meno che non la comprassi, a meno che qualcuno te la regalasse o la registrasse per te.

Però c’è un momento ancora legato alla carta che metterei all’inizio di tutto. Era una sera di primavera del 2001 e me ne andavo in giro con mia madre – sempre lei, quella che mi comperò per caso Binaural dei Pearl Jam (le piaceva la copertina) e mi regalò la passione di una vita. C’era da andare all’ospedale, ricordo, e passammo per un’edicola; ed ecco, vedo spuntarmi nella sezione musicale il faccione di Kurt Cobain: stava sulla copertina del Mucchio Selvaggio, per il primo numero di Extra, con un gran bel cd allegato; dentro, prometteva la copertina, ci avrei trovato la classifica dei migliori cento dischi degli anni Novanta. E ci trovai quello che speravo: qualche foto bellissima – chi se la scorda, quella degli Smashing Pumpkins rubata al booklet di Mellon Collie – e cento album divisi in tre sezioni (primi venti, altri trenta, ultimi cinquanta). Musica incredibile che allora conoscevo quasi solo per sentito dire e che oggi posso dire di aver ascoltato quasi dalla prima all’ultima nota.

enciclopedie pop rock

Ecco. Nel nuovo millennio queste cose hanno perso sempre più senso – vi sfido fra cinque-sei anni a compilare una classifica sensata con i vostri cento album preferiti degli anni Dieci: impossibile, ne avrete ascoltati dieci al giorno e ne avrete condivisi almeno tre su Facebook definendoli imperdibili – ma per me, piccolo ascoltatore maniaco con la passione per l’ordine, non è mai passato il tempo di provare a mettere in fila le cose (è un progetto di vita, in realtà, ma perché non applicarlo anche alla mia passione più grande?). Perché ogni cosa è importante e si è presa un bel pezzo del mio cuore, ma qui sotto ne ho raccolte cento che più di altre hanno segnato il decennio in cui ho imparato ad ascoltare, scoprire e innamorarmi della musica e a costruirmici un mondo sicuro intorno.

I PRIMI VENTI (ah, sono in ordine alfabetico)
Arcade Fire – Neon Bible (2007)
Bon Iver – For Emma, Forever Ago (2007)
Vic Chesnutt – North Star Deserter (2007)
D’Angelo – Voodoo (2000)
Fine Before You Came – Sfortuna (2009)
Godspeed You! Black Emperor – Lift Your Skinny Fists Like Antennas To Heaven (2000)
Interpol – Turn On The Bright Lights (2002)
Liars – Drum’s Not Dead (2006)
Low – The Great Destroyer (2005)
McLusky – McLusky Do Dallas (2002)
The National – Boxer (2007)
Okkervil River – Black Sheep Boy (2005)
Polly Paulusma – Scissors In My Pocket (2004)
Portishead – Third (2008)
Radiohead – Kid A (2000)
R.E.M. – Accelerate (2008)
Sleater-Kinney – The Woods (2005)
Elliott Smith – From A Basement On The Hill (2004)
Scott Walker – The Drift (2006)
Wilco – A Ghost Is Born (2004)

i primi venti dischi degli anni zero

GLI ALTRI QUARANTA
Afterhours – Quello Che Non C’è (2002)
Animal Collective – Strawberry Jam (2005)
Arcade Fire – Funeral (2004)
At The Drive-In – Relationship Of Command (2000)
Baustelle – Sussidiario Illustrato Della Giovinezza (2000)
Beck – Sea Change (2002)
Blur – Think Tank (2003)
Bright Eyes – Fevers And Mirrors (2000)
Current 93 – Black Ships Ate The Sky (2006)
Edda – Semper Biot (2009)
Eels – Blinking Lights And Other Revelations (2005)
Exploding Hearts – Guitar Romantic (2003)
The Flaming Lips – Embryonic (2009)
Fleet Foxes – Fleet Foxes (2008)
Fugazi – The Argument (2001)
Grandaddy – The Sophtware Slump (2000)
Green Day – American Idiot (2004)
The Hotel Alexis – Goliath, I’m On Your Side (2007)
The Libertines – Up The Bracket (2002)
Lift To Experience – The Texas Jerusalem Crossroads (2001)
Mission Of Burma – The Sound, The Speed, The Light (2009)
Mojave 3 – Excuses For Travellers (2000)
Joanna Newsom – The Milk-Eyed Mender (2004)
Offlaga Disco Pax – Socialismo Tascabile (2005)
Parts & Labor – Mapmaker (2007)
Pearl Jam – Binaural (2000)
Primal Scream – XTRMNTR (2000)
Queens Of The Stone Age – Rated R (2000)
Radiohead – In Rainbows (2007)
Lou Reed – The Raven (2003)
Soap & Skin – Lovetune For Vacuum (2009)
Sufjan Stevens – Illinois (2005)
The Strokes – Is This It (2001)
Sun Kil Moon – Ghosts Of The Great Highway (2003)
Tool – Lateralus (2001)
The War On Drugs – Wagonwheel Blues (2008)
M Ward – Post War (2006)
Wilco – Yankee Hotel Foxtrot (2002)
Amy Winehouse – Back To Black (2006)
Yo La Tengo – And Then Nothing Turned Itself Inside-Out (2000)

GLI ULTIMI QUARANTA
And You Will Know Us By The Trail Of Dead – Source Tags & Codes (2002)
Arab Strap – Monday At The Hug & Pint (2003)
Mulatu Astatke & The Heliocentrics – Inspiration Information 3 (2009)
Devendra Banhart – Rejoicing In The Hands (2004)
Andrew Bird – Noble Beast (2009)
The Black Angels – Directions To See A Ghost (2008)
Broken Social Scene – You Forgot It In People (2002)
Califone – Roots And Crowns (2006)
Cat Power – You Are Free (2003)
Vic Chesnutt – At The Cut (2009)
Converge – Jane Doe (2001)
Deerhunter – Microcastle (2007)
Deftones – White Pony (2000)
Dinosaur Jr. – Beyond (2007)
The Drones – Havilah (2008)
Low – Things We Lost In The Fire (2001)
Mastodon – Leviathan (2004)
Getatchew Mekuria & The Ex – Moa Anbessa (2006)
The Mountain Goats – The Sunset Tree (2005)
Nina Nastasia – Dogs (2000)
The New Pornographers – Twin Cinema (2005)
No Knife – Riot For Romance (2003)
Okkervil River – Down The River Of Golden Dreams (2003)
Quintorigo – Grigio (2001)
R.E.M. – Reveal (2001)
The Shins – Chutes Too Narrow (2004)
Sigur Ros – Ágætis Byrjun (2001)
Sparklehorse – It’s A Wonderful Life (2001)
Starflyer 59 – Leave Here A Stranger (2001)
System Of A Down – Toxicity (2001)
Il Teatro Degli Orrori – Dell’Impero Delle Tenebre (2007)
Titus Andronicus – The Airing Of Grievances (2008)
TV On The Radio – Dear Science (2009)
Unwed Sailor – The Marionette And The Music Box (2004)
Vampire Weekend – Vampire Weekend (2008)
Verdena – Solo Un Grande Sasso (2001)
Tom Waits – Real Gone (2004)
The White Stripes – Elephant (2003)
The Wrens – Meadowlands (2003)
Zu – Carboniferous (2009)

Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s